Un 2016 di Buona Rappresentanza5 min read

Daniele Papasso | 20-12-2016 | Politica universitaria - UNIVERSITÀ

immagine Un 2016 di Buona Rappresentanza5 min read

Un 2016 ricco ed impegnativo, nel corso del quale i raappresentanti della Sinistra Universitaria – UdU hanno “esaurito due terzi del programma”, un 2017 che porterà altre grandi novità sin dai primi mesi dell’anno. Questo, in estrema sintesi, è il succo della conferenza stampa che l’associazione universitaria perugina ha tenuto presso la sua sede, di recente inaugurazione, in via Bartolo 35.
Presenti al tavolo dei relatori la coordinatrice e senatrice accademica Costanza Spera, il capogruppo al Consiglio degli Studenti Pietro Orfei e la rappresentante della Commissione Controllo Studenti ADiSU Larissa Apone.

I risultati ottenuti
Tessera multifunzionale – Con un’unica tessera sarà possibile usufruire di diversi servizi, quali l’accesso alle biblioteche ed aule studio, ma anche alle mense universitarie e persino ricevere le somme relative alle rate delle borse di studio. Un’innovazione senza precedenti per l’UniPG per la cui effettiva realizzazione si dovrà attendere l’imminente aggiornamento complessivo dei sistemi informatici sottesi ai servizi informatici d’ateneo, incluso quello delle segreterie online (SOL).
Doppio libretto – Una delle primissime mozioni presentate al CdS è stata proprio quella relativa al doppio libretto per le carriere Alias, ovvero la possibilità di disporre di due libretti per gli studenti in transizione di genere, la cui realizzazione è stata possibile grazie alla collaborazione dell’associazione Omphalos LGBTI. A detta del consigliere Pietro Orfei, sarebbero circa una decina, tra studenti e dottorandi, i soggetti dell’ateneo perugino che hanno beneficiato di questa misura di integrazione, uguaglianza e civiltà.
Aule studio – Dopo l’apertura delle prime due aule studio (Ceccarelli ad Elce di Sotto e Urban Center a Sant’Ercolano) già nell’autunno 2015, si è proseguito il percorso individuando, insieme alle altre istituzioni, di altri luoghi adatti ad ospitare studenti in particolare in orario serale e nei festivi, sia a Perugia che nelle sedi distaccate. È imminente infatti l’apertura di una nuova aula studio ad Assisi (Palazzo Mediceo a Santa Maria degli Angeli) e Foligno; entro febbraio, invece, sarà aperta una nuova aula studio nel Polo di Monteluce, col contributo dell’ADiSU, ed un’altra ancora nella zona di Elce.
Più appelli e ripartizione esami in fasce orarie – Molto importante, al fine di rendere effettiva la Carta dei Diritti degli Studenti, l’aumento per tutti i dipartimenti del numero degli appelli di esami. Si passerà infatti ad 8 appelli in 4 sessioni d’esame; inoltre, non appena si provvederà all’aggiornamento dei sistemi informatici di cui abbiamo già parlato, si introdurrà un sistema che consentirà di suddividere gli appelli secondo fasce orarie, al fine di evitare estenuanti attese o slittamenti in sede d’esame, sul modello di quanto già avviene al Centro Linguistico d’Ateneo, per agevolare sia studenti che docenti.
Risoluzione emergenza CLA – Grazie all’attività di sollecitazione delle istituzioni competenti e del continuo confronto con gli studenti, è stato possibile far fronte, in tempi brevi, all’emergenza CLA scoppiata nello scorso ottobre. Sono stati infatti indetti i bandi per ampliare e rinnovare il personale docente ed amministrativo del Centro e si è provveduto alla nomina del nuovo Direttore, prof. Luca Avellini.
Riforma della tassazione – Probabilmente il più grande risultato ottenuto. Il passaggio da 10 a 17 fasce, l’ampliamento del range di tassazione in base ai parametri ISEE, hanno fatto sì che le fasce medio-basse, nonché gli studenti fuori corso “recenti”, abbiano potuto godere di uno sconto sulla tassazione universitaria, in senso meno regressivo.
Sempre più borse di studio – In seguito alla riforma dei parametri ISEE, che nello scorso anno accademico aveva escluso ben 323 studenti dalla platea dei beneficiari, l’UdU si è strenuamente impegnata per ottenere un maggior numero di borse di studio, sia tramite le “misure compensative straordinarie” sia tramite il dirottamento dei fondi per le attività studentesche che hanno creato ulteriori borse di studio per studenti che per poco (ISEE di poco superiore a 23000€ o fuori corso di un anno) sono rimasti esclusi dalle graduatorie ADiSU, come ricordato dalla “Salvatore Aranzulla del diritto allo studio” Larissa Apone. Da non dimenticare anche l’estensione delle agevolazioni in termini di tasse universitarie ed alloggi per gli studenti provenienti dalle aree colpite dal sisma degli ultimi mesi.
Mensa di Medicina – Altro risultato storico per l’UdU è l’apertura, dopo quasi dieci anni di lotta, della mensa ADiSU nel polo universitario di Sant’Andrea delle Fratte. Sebbene il servizio sia già erogato da ieri, 19 dicembre, la struttura verrà ufficialmente inaugurata nel mese di gennaio.
Mobilità notturna – Partirà con certezza, dalla primavera 2017, il servizio di mobilità notturna nella città di Perugia. Esso, plasmato su un progetto di mobilità presentato nei mesi scorsi dai rappresentanti UdU sarà in via sperimentale e prevederà due navette circolari attive nel weekend (tre giorni a settimana) nella fascia oraria 22-2. L’imminiente realizzazione del progetto, i cui dettagli si stanno defininendo proprio in questi giorni, è stata possibile grazie allo strenuo impegno della Presidenza del CdS, ovvero di Martina Domina, e grazie alla disponibilità del Delegato del Rettore ai Servizi degli Studenti, prof. Federico Rossi, della Regione Umbria e dell’ADiSU. Assente non giustificato, a detta della coordinatrice Costanza Spera, il Comune di Perugia, da sempre restio ed indifferente a questa tematica.

Prospettive per il futuro
Tra i propositi per l’anno nuovo, “secondo ed ultimo di mandato per i rappresentanti degli studenti prima delle elezioni del dicembre 2017”, ci sono alcuni nodi tuttora irrisolti. In primis, l’adeguamento del Regolamento Procedure Termini e Tasse per i dottorandi e gli specializzandi, ancora fortemente penalizzati, nonché degli studenti part-time e lavoratori, per i quali è già attiva una commissione ad hoc.
Ancora, è necessario un riavvicinamento delle sedi distaccate, per troppo tempo abbandonate dalle politiche dell’UniPG, attraverso l’apertura di nuovi spazi di condivisione ed aggregazione, i quali non dovranno mancare nemmeno nel cuore della città universitaria di Perugia, la quale, se vorrà dar seguito ai netti segnali di ripresa, in termini di iscritti e di qualità dei servizi, dovrà obbligatoriamente continuare nel solco della proficua collaborazione con gli studenti e le loro rappresentanze.


Daniele Papasso

Daniele Papasso

Direttore editoriale da settembre 2015 a dicembre 2016, è studente in Medicina e Chirurgia. Calabrese, ha lanciato la rubrica Smonta la Bufala, sulle menzogne pseudoscientifiche. Da sempre appassionato di politica, ama la musica rock e indipendente, il cinema d'autore e la Juventus.