They’re killing joker2 min read

Kitsch | 25-03-2015 | Vignette

immagine They’re killing joker2 min read

“knock-knock”

Un suono insistente risveglia Gordon, il commissario di Gotham City, dai suoi pensieri.

Nessuno immaginava che quel suono avrebbe per sempre cambiato la sua esistenza e soprattutto quella di sua figlia Barbara, anche nota come Batgirl. Alla porta della loro abitazione cè Joker che, armato di depravazione e crudeltà, spara a Barbara allaltezza delladdome.

“BANG”. Il colpo è spietato come il suo esecutore, il proiettile renderà Barbara Gordon paralitica. Non contento, il Joker, spoglia completamente la ragazza e la violenta (o forse no?) e alla domanda della povera Barbara “Perché lo fai?” il Joker risponde con un agghiacciante ghigno “Una tesi.”

La storia è The Killing Joke, firmata dallo straordinario binomio Alan Moore (sceneggiatura) Brian Bolland (disegni), a mio personalissimo avviso, la più bella mai fatta su Batman, con un eccezionale lavoro di scrittura e di concezione stessa delle immagini.

Purtroppo un altro binomio assai meno straordinario dei nostri due autori, le femministe e i social network, ha fatto si che la copertina del numero 41 di Batgirl disegnata dal talentuoso Rafael Albuquerque fosse ritirata dalla casa editrice al “grido” dellhashtag #CHANGETHECOVER.

killing-joker1

Il motivo? La copertina, che voleva essere un tributo allopera di Moore e Bolland, ritraeva il Joker con il suo malefico ghigno, che tiene sotto braccio una Batgirl in lacrime. Da notare la precisione con cui lautore della copertina mette in evidenza con un colpo di luce, proprio la pistola che impugna il Joker. Chapeau.

Ma alle femministe non frega nulla del disegno, vedono subito rosso e decidono che questa copertina non sha da fare, né domani, né mai. Troppo violenta, mostra troppo chiaramente il tema della violenza sulle donne. Non si è ancora finito di asciugare il sangue dai polpastrelli di chi scriveva #JesuisCharlie che parte unaltra campagna, totalmente opposta e con un eco talmente forte da costringere una delle case editrici di fumetti più importante dAmerica, la DC Comics, a ritirare la sua copertina.

Però nessuno si è schierato dalla parte del povero Joker. Lui non è abbastanza Charlie.

Cè una battuta, in The Killing Joke, detta dal nostro anti-eroe preferito, che mi sembra profetica:

 

<< È tutto uno scherzo! Le cose importanti, ciò per cui la gente combatte… È tutto una mostruosa, delirante barzelletta! Ma allora perché non ti diverte? Perché non ridi? >>

 

Infatti Joker ride, anche questa volta, se la ride di gusto.

Kitsch


Kitsch

Descrizione non presente.