DIARIO ERAMUS: LISBONA→PERUGIA2 min read

Amministratore | 23-12-2015 | Erasmus - UNIVERSITÀ

La mia esperienza Eramus

Sono arrivato in Italia dopo una grande esperienza ad Alicante (Spagna) e già immaginavo che tutto sarebbe stato soleggiato ed incredibile. Ricordo confusamente il mio arrivo qui perché avevo davvero tante cose a cui pensare. Sono arrivato il 3 Ottobre (sono abbastanza sicuro di questo!).
Ho visto che gli italiani sono molto educati ed attenti alle buone maniere, forse questo è legato al loro modo di parlare o di interagire in generale. Quando si tratta di acquistare al supermercato… Beh, posso solo dire che trovo le cose qui più costose che in Spagna, ma la qualità sembra davvero buona e qualche volta dobbiamo pagare per ottenere le cose migliori, no? Il caffè qui è incredibile, e la pizza… Uff, davvero incredibile. Sto dicendo sempre ai miei amici che quando andrò via, non avrò più intenzione di mangiare la pizza, se non sarà fatta in Italia, perché qui il suoi sapore è unico, diverso, praticamente indescrivibile. Anche la birra è molto diversa e qui a Perugia ce ne sono molti tipi. Anche il vino è fantastico, ma costoso. Devo ancora assaggiare un sacco di cose, perché la cucina italiana è molto varia. Sono rimasto sorpreso dall’architettura di Perugia. Sentivo di essere in una città moderna, ma allo stesso tempo medievale, ricca di arte e di storia, dove il tempo sembra non passare.
Ho incontrato un sacco di persone, la maggior parte dal Sud Italia, e le ho trovate molto felici e allegre. Ho conosciuto anche persone provenienti dall’Umbria, dalla Sicilia, dalla Calabria, da Bari, Milano e Roma e sono state davvero comprensive e gentili, aiutandomi ad adattarmi al loro modo di vivere e a capire meglio la lingua italiana e le sue regole.
La vita notturna è molto diversa dalla Spagna, dal momento che è più tranquilla, e trasmette unatmosfera diversa. LItalia mi sembra un paese colorato, dove le persone sono molto inserite nella loro vita quotidiana, calma durante il giorno, ma cambiano un po’ quando arriva la notte e tutto sembra più divertente ed unico, perché rivelano la loro natura, il loro umorismo e mostrano le caratteristiche della loro cultura che varia da regione a regione e alcune volte è molto difficile da capire, ma sono sempre pronte ad aiutarmi comprenderne le differenze. Trovo che le persone qui siano molto attaccate alle proprie convinzioni e idee. Una cosa che sento ogni volta che sono tra gli Italiani, è quel senso di unità, di famiglia, di importanza data all’amicizia o al rispetto. I bar e i ristoranti sono molto particolari e alcuni sono pittoreschi. Gli incontri, gli aperitivi… Uff, fantastici!
Mi sto ancora divertendo a conoscere più cose sulla cultura italiana, ma spero che alla fine di questo Erasmus avrò davvero visto più cose che posso su questa cultura ed esplorato tutti i suoi aspetti più diversi, al fine di arricchire me stesso come persona e soprattutto come studente, e di sperimentare la vita.


Amministratore

Descrizione non presente.