DALLE AULE STUDIO FINO AD UNA MAGGIORE ASSISTENZA PER I DISABILI PASSANDO PER IL CLA, ERASMUS E DOTTORANDI

Riccardo Colangeli | 02-03-2017 | Politica universitaria - UNIVERSITÀ

immagine DALLE AULE STUDIO FINO AD UNA MAGGIORE ASSISTENZA PER I DISABILI PASSANDO PER IL CLA, ERASMUS E DOTTORANDI

Pronti? Via! In appena un’ora e mezza di discussione la seduta del Consiglio degli Studenti convocata per le 14:30 del 27 febbraio ha analizzato otto punti all’ordine del giorno, stabilendo un vero e proprio nuovo record nella storia degli organi collegiali dell’Università. A rendere così unica questa seduta è il fatto che, oltre alla velocità, le mozioni presentate sono una più importante dell’altra. Ciò significa che i consiglieri hanno lavorato con estrema attenzione, cercando di evitare là dove possibile tante polemiche, anche se qualcuna è stata inevitabile, in accordo con un organo di rappresentanza così variegato.

COME STANNO LE AULE STUDIO?

Ad aprire i lavori è stato il consigliere Rrapaj (UdU) che ha presentato la nota informativa, redatta dal suo gruppo, riguardante “le condizioni e fruibilità delle aule studio”. Questa nota mette in luce l’importanza delle aule studio nel tessuto cittadino in quanto hanno e devono avere una funzione aggregativa, la nuova inaugurata in Via Goldoni a Perugia dispone di spazi adatti al co-working e potrebbe essere la sede ideale anche per altri momenti di condivisione. Ma non è ora tutto ciò che luccica. Premura del gruppo Udu è stata anche quella di mettere in luce i vari disservizi delle aule studio aperte sia in città che nelle sedi distaccate, dai problemi tecnici del QR Code e del wi-fi alla pulizia interna.In conclusione del suo discorso Rrapaj (Udu) ha elencato alcune proposte di miglioramento tra cui l’istallazione di distributori automatici di bevande e snack e appositi contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti.

Presente anche il professor Federico Rossi (Delegato del Rettore ai Servizi per gli Studenti) che ha elencato le novità che l’Università di Perugia intende introdurre per sanare i problemi delle aule studio. Di grande impatto è stato l’annuncio della creazione di una pagina Facebook che raccoglierà tutte le segnalazioni in tempo reale così da permettere un intervento tempestivo. Allo stesso tempo il professore ha ricordato il significato del “vero” nome delle aule studio cioè SASA (Spazi di Aggregazione e Studio in Autogestione) e ha sottolineato come l’Ateneo stia lavorando in questa direzione. Ha inoltre annunciato la prossima apertura di altre due aule a Monteluce e ad Assisi, prossima meta Foligno. La discussione è terminata parlando della SASA di Narni per la quale la consigliera Falanga (Narni Universitaria) ha descritto un quadro che presenta svariate criticità.

Proposta del consigliere Marchesi (Student’s Office) di trovare convenzioni con locali commerciali nei pressi della aule studio.

Finito il dibattito la Presidente Martina Domina ha posto il tema in votazione, ma trattandosi di una nota e non di una mozione vera e propria il voto era funzionale solo all’esprimere un parere favorevole o meno. Senza batter ciglio la nota è passata con parare positivo unanime.

NUOVI CORSI AL CLA!

La prima mozione oggetto di discussione è stata quella presentata dal gruppo Udu con oggetto “corsi di lingua straniera erogati dal Centro Linguistico di Ateneo”. Mozione d’importanza internazionale presentata da Simone Buccilli (Udu), appena tornato in città da un’esperienza in Cina. L’ accento è stato posto sulle problematiche del nostro Centro Linguistico in materia di corsi erogati non sufficienti a coprire il numero di richieste degli studenti. In 10 ore dall’apertura delle iscrizioni ai corsi di lingua inglese livello B2 (25 posti disponibili l’uno) si contavano circa 120 prenotazioni totali. Non sono stati attivati un corso C1 di lingua inglese e un corso B2 di lingua francese, tedesca e spagnola. Le prime proposte del gruppo Udu sono state l’attivazione di almeno un corso (sempre 25 posti minimo) di lingua inglese livello C1 e un altro di francese, tedesco e spagnolo di livello B2, aperti a tutti gli studenti dell’Ateneo e di allargare la platea dei corsi di inglese livello B2.

A sollevare le prime polemiche è stato il consigliere Luzi (Idm) il quale ha riconosciuto la bontà della mozione ma è rimasto perplesso sul perché sia passata per il Consiglio degli studenti quando esiste un altro organo collegiale, in cui vi sono anche rappresentanti degli studenti, deputato a discutere di questioni inerenti al CLA. Chiede dunque di trasformare la mozione in una nota informativa.
Risponde il capogruppo Udu Petro Orfei che sottolinea che trattandosi di una problematica vicina a un’ampia fetta di popolazione studentesca sia giusto rendere consapevole anche il Consiglio, rafforzando così la validità della richiesta.

La mozione viene approvata a maggioranza, si astengono i consiglieri del gruppo Idee in Movimento (Bizzarri, Capobianco, Cesarini, Luzi, Ramadori)

ONLINE LE GRIGLIE ERASMUS

Bedini (Udu) spiega come sia necessaria la pubblicazione online delle tabelle indicative di conversione dei voti Erasmus rispetto ai voti dell’Ateneo di appartenenza, sia nella pagina d’Ateneo dell’Università di Perugia sia in sezioni apposite dei singoli Dipartimenti. Attualmente tali tabelle esistono ma non vengono condivise con gli studenti.

Mozione approvata a maggioranza unanime.

MAGGIORE CONTROLLO NELLE BORSE PER DOTTORANDI

L’ ultima mozione all’ordine del giorno è relativa al monitoraggio dei servizi offerti ai dottorandi dell’Ateneo e al miglioramento dell’offerta delle Scuole di Dottorato, presentata da Orfei (Udu). A fronte della poca trasparenza nell’attribuzione delle borse di studio e ricerca per i dottorandi il gruppo Udu chiede una maggiore comunicazione di come vengano effettivamente spese le liquidità, soprattutto riguardo i fondi aggiuntivi nei casi di incremento per attività di ricerca all’estero. Inoltre è utile pensare che il budget destinato all’incremento della borsa del 50% per un periodo di attività in atenei esteri eventualmente non utilizzato sia destinato agli studenti senza borsa che allo stato attuale non possono usufruire di tale preziosa opportunità.

Anche questa mozione è stata approvata a maggioranza unanime.

Quando sembrava prossima la conclusione della seduta, durante una pausa nella quale si discutevano le varie ed eventuali, il Vice-presidente del Consiglio Cesarini (Idm) chiede alla Presidente Domina (Udu) il perché non era stato avvertito della inaugurazione tenutasi il 22 febbraio dell’aula studio in piazza Piazza Università, sopratutto dato che la Presidente non avrebbe potuto presenziare. In sostanza chiede una maggiore collaborazione tra le due cariche. La Presidente Domina risponde che non è obbligatoria la presenza del Presidente (o del Vice) del Consiglio degli Studenti a questi eventi, aggiunge che tutti i consiglieri erano stati avvertiti da lei stessa nella seduta precedente e che la partecipazione dei consiglieri a tutte le inaugurazioni sia sempre assolutamente volontaria.

INCREMENTARE IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON DISABILITÀ E/O DSA

A far dimenticare la piccola discussione precedente è stato l’intervento della professoressa Laura Arcangeli (Delegato del Rettore per il diritto allo studio degli studenti con disabilità e/o con DSA), la quale con estrema attenzione ha descritto come gli studenti con disabilità sono aumentati presso l’Ateneo perugino, nonostante i finanziamenti economici statali siano diminuiti. È stato illustrato come questi studenti siano soggetti anche a ripercussioni nel mondo lavorativo poiché le aziende preferiscono pagare la multa obbligatoria quando non si assume personale disabile, lasciando cosi molti invalidi disoccupati. La delegata annuncia che l’Università di Perugia si attesta a un livello medio-alto (su scala nazionale) per quanto riguarda le condizioni di assistenza agli studenti disabili, sottolineando che nonostante tutto sia necessario un aumento dei tutorati alla pari. Nella conclusione del suo intervento lancia un monito agli studenti, i quali più di tutti devono prestare attenzione alla situazione dei loro colleghi disabili, denunciando qualsiasi problematica loro possano incontrare sia nell’apprendimento sia nell’accesso alle strutture (aule, laboratori ecc.).

La seduta si conclude con la votazione per designare due rappresentanti nella “Commissione per il diritto allo studio degli studenti con disabilità e/o con DSA”. Vengono eletti Pietro Marsili e Elena Polegri.

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppTelegramPocket

Riccardo Colangeli

Riccardo Colangeli

Entra in redazione nel 2017 come co-responabile Politica Universitaria per poi diventare caporedattore. Spoletino DOC, è studente di Scienze Politiche. Appassionato a qualsiasi tipo di sport (arbitro di calcio nonché di pallavolo), ha molto a cuore tutto ciò che possa riguardare la propria città natale.