SOA+, lapp da studente a studente3 min read

Amministratore | 07-07-2015 | UNIVERSITÀ

Intervista a Jacopo Moscioni, il creatore delle Segreterie OnApp

Segreterie OnApp-SOA+ è lapplicazione non ufficiale delle segreterie studenti dellUnipg, attualmente scaricata da quasi la metà degli iscritti allAteneo, funziona sia su Android che su iOS, sia su smartphone che tablet, e permette di tenere sotto controllo tutta la propria carriera accademica, voti, crediti, tasse, statistiche e piano di studi.
Inoltre, ha collegamenti con gli enti e i servizi del territorio, come il Centro Linguistico dAteneo, lAgenzia per il diritto allo studio e addirittura gli orari degli autobus. E ora è dotata anche di notifiche push per ricordare le scadenze di tasse e modulistica.
Tutto questo, non è stato sviluppato da una grande azienda, da tecnici plurilaureati, a costi folli, ma da uno studente perugino del Dipartimento di Informatica, Jacopo. Fresco di laurea magistrale, labbiamo incontrato per unintervista.

Allora, Jacopo, raccontaci, come ti è venuta lidea del SOA+?

Per passione, dal 2009 ad oggi ho sempre sviluppato app, avevo unidea e la mettevo in pratica. Da studente perugino mi sono reso conto della mancanza di servizi adatti ai tempi degli smartphone, nel 2012 ho sviluppato la prima versione di SOA+ e al tempo neanche il sito dellAteneo era ottimizzato per i cellulari.
Lidea mi è venuta nel 2011, poi tra esami, tirocinio e tesi triennale mi ci è voluto un anno per concretizzarla, ma ero convinto di avere le competenze, mi sono messo al lavoro e nel giugno 2012 è nata SOA per iOS, qualche mese dopo per Android, entrambe scaricabili gratuitamente.
Questapp ha avuto un gran successo, le cifre dei download sono alte, ma lUnipg ancora non la riconosce come app ufficiale, anzi, sta cercando di crearne una tutta sua ex novo. Già ce nera una ufficiale, che però non ha avuto la stessa fortuna di SOA+ perché non molto utile.

Come sono stati i tuoi rapporti con lAteneo riguardo lapp e come sono ora?

Nel 2012-2013 parlai con un dipendente della Ripartizione Informatica, proponendogli di rendere ufficiale SOA+, ma la risposta non mi era piaciuta. Mi dissero che la volevano acquisire totalmente, gratuitamente, ma mi chiesero di lavorarci ancora sopra per renderla fruibile anche ai professori e agli altri dipendenti, poiché sviluppandola da esterno con le credenziali da studente ho potuto realizzarla con accesso al SOL solo in modalità, appunto, studente. In caso avessi accettato, si erano proposti di valutarla come tirocinio formativo, ma il tirocinio dovrebbe essere unattività tramite la quale imparare qualcosa, non un modo per ottenere gratuitamente un servizio o un prodotto.

Ora che ti sei laureato, se ti chiedessero nuovamente di acquisire lapp offrendoti di continuare a lavorarci come dipendente stipendiato dellAteneo, cosa risponderesti?

Non so se accetterei, sto attualmente facendo colloqui di lavoro per società che si occupano di servizi informatici, alle quali sono più interessato.
Lo scorso ottobre a Todi so cè stata una manifestazione durante la quale lUnipg ha emesso un concorso per creare lapplicazione delle segreterie, premiando cinque progetti che poi verranno integrati tra loro, una di queste è quella sviluppata da un ragazzo che dopo luscita di SOA ha creato unapp simile, iUni, ma che non ti permette di prenotare gli esami e di visualizzare le statistiche, al contrario di SOA. La partecipazione al bando implicava la rinuncia ai diritti di proprietà dellapp, io non ho partecipato perché preferisco che il mio lavoro rimanga mio o che al massimo venga acquistato per ciò che vale.
I miei progetti, tra cui anche SOA+, continuerò a seguirli nel tempo libero finché potrò, non mi portano un reale guadagno, i banner pubblicitari che ci sono servono solo per rifarmi delle spese del server, quindi possono essere solo un impegno non a tempo pieno, ma al momento credo sia giusto che rimanga a me, in modo che resti gratuita, creata da uno studente per gli studenti e migliorata tramite i suggerimenti degli utenti.


Amministratore

Descrizione non presente.